D746vd D New Geox Lise

D746vd D New Geox Lise D746vd D New Geox Lise D746vd D New Geox Lise D746vd D New Geox Lise D746vd D New Geox Lise D746vd D New Geox Lise
Tipo Stivaletti e tronchetti
Ref. 161007
Stagione Autunno/Inverno
Larghezza Standard
Paese di fabbricazione Fuori UE
Costruzione Saldato
Numero di riferimento 38
Colore Grigio
Altezza del tacco 7 cm
Altezza della tomaia 4 cm
Fodera Cuoio
Top / Tomaia Cuoio/Tessile
Soletta Cuoio
Suola Sintetico
D746vd D New Geox

Accoglienza-supporto, analisi dei bisogni e rilevazione degli atteggiamenti e aspettative lavorative delle beneficiarie; Orientamento-Bilancio competenze; Sviluppo formativo di competenze personali, sociali e professionali (formazione in aula); Progettazione e realizzazione di percorsi di inserimento lavorativo e delle relative misure di supporto (borse lavoro).
 
a) Accoglienza e supporto personale delle beneficiarie: analisi dei bisogni e rilevazione degli atteggiamenti e delle aspettative lavorative 
D746vd D New Geox
In relazione all’esigenza di ricostruire un contesto personale positivo e ben radicato, e alla necessità di rilevare bisogni, atteggiamenti e aspettative lavorative delle beneficiarie, le operatrici dell’Equipe Psico-Socio-Pedagogica di “Isola” hanno avviato una serie di incontri antecedenti gli inserimenti in azienda. Tale scelta operativa ha consentito, all’Assistente Sociale dell’Equipe di progetto, l’elaborazione dei Progetti Individualizzati per ogni beneficiaria, funzionali a facilitare il percorso di inserimento, e al conseguimento degli obiettivi di autonomia, potenziamento delle competenze tecnico-relazionali, consolidamento dell’autostima e dell’identità, indispensabili alla piena integrazione nel contesto aziendale. 
L’attività di analisi dei bisogni delle beneficiarie, e la rilevazione degli atteggiamenti e delle aspettative lavorative, sono state condotte dalla Tutor attraverso colloqui individuali che hanno favorito il processo di anamnesi delle utenti e la raccolta di informazioni utili al processo di reinserimento: curriculum vitae, aspetti generali della personalità, valutazione delle capacità, lo stato dei legami affettivi primari, le aspettative, gli interessi, le risorse materiali di cui le beneficiarie disponevano e la situazione di disagio sociale. 

b) Orientamento – Bilancio competenze 
La funzione dell’orientamento è sempre stata quella di facilitare l’accesso alle opportunità formative, al lavoro ed alle attività produttive esistenti. “Orientare” – secondo la definizione data dall’Unesco - significa rendere “l’individuo in grado di prendere coscienza di sé e di progredire, con i suoi studi e la professione, in relazione alle mutevoli esigenze della vita, con il duplice scopo di contribuire al progresso della società e di raggiungere il pieno sviluppo della persona umana”. 
Quando si parla di utenze “socialmente e lavorativamente deboli”, un primo elemento distintivo deriva dal dover inserire il percorso di orientamento all’interno di un processo più ampio di integrazione sociale, inteso come processo di non discriminazione e di inclusione delle differenze. Diventa fondamentale delegittimare l’etichettamento, che può portare gli utenti a identificarsi con una bassa spendibilità sul mercato della formazione e del lavoro. 
Forte di tale consapevolezza, l’Equipe di “Isola” ha previsto nel proprio modello d’intervento un servizio di orientamento e counseling, che si richiama alla Teoria Rogersiana della “relazione centrata sul cliente”, in cui il protagonista principale del processo di orientamento diviene il soggetto, che risulta in grado di orientarsi autonomamente, se facilitato nella comprensione/chiarificazione della sua problematica: tale assunto, si è tradotto per le beneficiarie, in un lavoro sulle potenzialità inespresse, sulle capacità, sulle attitudini e sulle competenze pregresse, senza tralasciare l’aspetto relativo agli atteggiamenti e alle aspettative lavorative. 
Nello specifico, il programma di Orientamento e Bilancio Competenze ha previsto un periodo di formazione pari a 36 ore, condotto dall’Orientatrice-Valutatrice dell’Equipe Formativa di “Isola”, articolato nelle fasi di seguito riportate: 
D746vd D New Geox
1. Orientamento e Bilancio Competenze; 
2. La Comunicazione interpersonale e gli stili comunicativi; 
3. Utilità percepita dalle beneficiarie e valutazione del percorso di formazione. 

S Novità ultrak G Geox J

Il percorso formativo si è proposto di agire su più livelli interconnessi finalizzati alla messa in moto e, al recupero delle risorse e potenzialità insite nelle destinatarie, funzionali alla stesura del Progetto Professionale, lavorando sulle tre dimensioni esistenziali del passato, presente e futuro. La scelta di tale articolazione è stata effettuata al fine di contribuire alla ristrutturazione dell’identità sociale delle beneficiarie, ovvero al loro modo di percepirsi rispetto agli altri, attraverso l’esplorazione e il rinforzo delle seguenti dimensioni: 
- autostima; 
- sicurezza; 
- pensiero strategico; 
- comunicazione di sé; 
- presa di decisione; 
D746vd D New Geox
- locus of control (responsabilità di azione). 

c) Sviluppo formativo di competenze personali, sociali e professionali: alternanza formazione in aula - azienda 
D746vd D New Geox
L’esigenza di mettere a fuoco potenzialità e risorse inespresse delle borsiste, si è accompagnata con la necessità di effettuare un periodo di formazione della durata di un mese, che ha previsto l’alternanza di lezioni in aula svolte dalla docente dell’Equipe di “Isola” e di una formazione tecnico-professionale personalizzata in azienda antecedente all’avvio della borsa-lavoro. La scelta di Comunità S. Francesco è stata quella di puntare su un’attività formativa in grado non solo di valorizzare al meglio le potenzialità delle utenti, ma anche di formare le borsiste a una tenuta produttiva visibile a garanzia e riduzione di pregiudizi da parte del datore di lavoro. L’attività di formazione in aula si è organizzata su moduli che hanno mirato all’acquisizione di nozioni “base” e trasversali applicabili a ogni contesto lavorativo, con riferimento specifico alla tematica della Sicurezza sul lavoro (D. Lgs 81/2008); La formazione in aula, oltre all’ampliamento delle conoscenze inerenti ai diritti e doveri dei lavoratori, ha consentito alle beneficiarie di sperimentare l’esperienza del “gruppo” – elemento determinante per produrre cambiamenti - gettando le basi per la tenuta relazionale del ruolo all’interno di un contesto lavorativo, premessa irrinunciabile per una positiva integrazione con lo staff e il contesto aziendale. La formazione tecnico-professionale svolta direttamente in azienda ha facilitato nelle borsiste la conoscenza delle dinamiche aziendali e delle funzioni da espletare, rendendo “più soft” l’impatto con l’ingresso nella realtà produttive, momento emotivamente forte per le utenti chiamate alla riorganizzazione dei propri tempi in funzione di un impegno quotidiano costante. 

d) Progettazione e realizzazione di percorsi di inserimento lavorativo e delle relative misure di supporto (borse lavoro) 
E’ la fase dell’ingresso in azienda delle beneficiarie che ha ricoperto un arco temporale di undici mesi, retribuito con una borsa-lavoro di 500,00 Euro mensili più rimborso spese. Le caratteristiche di tale fase sono stati gli elementi che hanno contraddistinto la strategia operativa di Comunità S. Francesco, che si identificano nelle seguenti attività: 
- Formazione operatrici Equipe Psico-Socio-Pedagogica; 
- Tutoraggio e Accompagnamento; 
- Monitoraggio e Valutazione in itinere. 

Formazione operatrici Equipe Psico-Socio-Pedagogica: l’attività di formazione è stata prevista non solo per le borsiste, ma anche per le operatrici dell’equipe di “Isola”; si è concentrata sullo sviluppo di competenze, sulla programmazione dell’intervento, sul lavoro di rete, sul coordinamento e gestione delle risorse, e sulle tematiche sociali e ambientali nell’ottica di uno sviluppo sostenibile a livello operativo. 

Tutoraggio e accompagnamento: si sono rivelati processi decisivi per la riuscita dell’integrazione delle beneficiarie nella realtà aziendale. Partendo dalla considerazione della specificità di ogni singola persona, è stata attuata una metodologia basata sull’abilità di verifica e di correzione in corso, al cui interno sono stati associati tutti i partner di “Isola”: le beneficiarie, la tutor, l’Equipe, gli operatori pubblici e le stesse aziende ospitanti. Gli inserimenti non sono sostenibili se anche le imprese non attivano processi di facilitazione all’inserimento e all’integrazione; di conseguenza, Comunità S. Francesco ha previsto la possibilità di sperimentare non solo processi di presa in carico globale delle borsiste, ma anche di “presa in carico” globale dell’azienda. Ogni referente aziendale ha potuto contare lungo l’intero percorso di borsa-lavoro, sulla presenza costante delle operatrici dell’Equipe Psico-Socio-Pedagogica (Tutor, Assistenti Sociali, Educatrici) che hanno svolto la funzione di trade union tra esigenze produttive e i bisogni delle borsiste. 

Monitoraggio e valutazione in itinere: sono stati caratterizzati dall’osservazione diretta effettuata dalle operatrici dell’Equipe Psico-Socio-Pedagogica del processo di inserimento in fieri. L’osservazione in “Isola” diviene elemento centrale per individuare difficoltà o criticità emerse, e valutare se gli obiettivi previsti dal Progetto Individualizzato sono stati conseguiti. Di pari passo all’osservazione nel contesto aziendale, sono stati previsti a cadenza mensile gli incontri con la Psicologa d’Equipe di Progetto, che attraverso l’utilizzo di tecniche quali circle-time, test sui livelli di stress e autostima, hanno dato vita a momenti di restituzione del vissuto dell’esperienza di borsa-lavoro da parte delle beneficiarie, consentendo l’elaborazione e il superamento delle difficoltà riportate e una migliore gestione dello stress legato allo svolgimento dei compiti previsti all’interno dell’azienda ospitante. La valutazione in itinere è stata effettuata periodicamente dall’Equipe formativa, che ha analizzato i dati delle schede di osservazione, i dati delle riunioni di équipe e dei colloqui individuali valutati attraverso griglie suddivise nelle seguenti sfere d’intervento: 
-  capacità relazionali e autonomia; 
Kids Toe Pro Teva Hurricane - motivazione al lavoro e al contesto lavorativo; 
- tenuta dei ritmi di lavoro; 
- competenze professionali acquisite rispetto agli obiettivi definiti dal Progetto Individualizzato. 
Gli strumenti utilizzati per l’attività di monitoraggio e valutazione in itinere sono stati: scheda monitoraggio utente; scheda monitoraggio referente aziendale; scheda per la valutazione degli esiti; scheda di verifica finale con la beneficiaria; scheda di verifica finale con utente aziendale; scheda di valutazione finale degli impatti.